Enter your keyword

15 ottobre | doppio appuntamento teatrale

15 ottobre | doppio appuntamento teatrale

15 ottobre | doppio appuntamento teatrale

PANDEMONIUM TEATRO

presenta

Comicità e arti circensi

 NEL WEEKEND DI PANDEMONIUM TEATRO

Domenica 15 ottobre, ore 16:30

Teatro Blu

“DUDU’ NELLA PREISTORIA”

(3-6 anni)

Bergamo, Auditorium Centro Sociale di Loreto

e

Teatro per davvero

“RE TUTTO CANCELLA – ovvero come nacquero le parole

(4-8 anni)

Lallio, Auditorium Comunale

Prosegue il ricco cartellone di Pandemonium Teatro 

con gli spettacoli della domenica dedicati alle famiglie in città e provincia.

 

 

Domenica 15 ottobre, l’appuntamento è alle 16:30 con il consueto Teatro delle Meraviglie che presenta un’altra compagnia ospite, Teatro Blu con lo spettacolo “DUDU’ NELLA PREISTORIA”, uno show comico-circense all’insegna della sorpresa e del divertimento. In scena Shinya Murayama che, per la regia di Silvia Priori, racconta la storia di un bambino, Dudù, nato nella preistoria. Dudù, come ogni bambino di oggi, gioca, ride, piange e si dispera. Ma a fargli compagnia c’è Didì, un pupazzo che costruisce con ciò che trova in natura. Dudù accompagnerà il pubblico dell’Auditorium del Centro Sociale di Loreto in un mondo fatto di pietre e di caverne, di pesci e dinosauri, di paura e di festa, un mondo crudele a volte surreale dove succede di tutto.

(Ingresso posto unico 6€ / Tessera per 5 ingressi 25€)

Sempre alle 16:30, all’Auditorium Comunale di Lallio, in collaborazione con il Comune di Lallio, avrà luogo il secondo appuntamento della rassegna A teatro con mamma e papà – 3 domeniche per la famiglia. RE TUTTO CANCELLA – ovvero come nacquero le parole è il titolo dello spettacolo di Teatro per davvero di e con Marco Cantori che racconta la storia di un principe bambino.

Di andare a scuola voglia non ne aveva ed allora piangeva. Numeri, note, lettere e figure per lui eran solo seccature, perché troppo difficili e complicate, che tutte quante le avrebbe strozzate. Le odiava proprio con rancore e promise vendetta dal profondo del suo cuore. Promise che se grande fosse diventato, tutte le scritte avrebbe mangiato

Dopo qualche anno, si presentò nei regni un uomo tutto bianco, con un grande sacco. Era il principe bambino che, orami cresciuto, si faceva chiamare Re Tutto Cancella: mercoledì catturò tutti i numeri, giovedì tutte le figure, venerdì le note e sabato, infine, portò via anche le lettere. In procinto di ultimare la sua vendetta, Tutto Cancella verrà persuaso a liberare i suoi prigionieri, grazie ad un piano segreto escogitato dalle lettere, che unendosi inventeranno le parole.

(Ingresso Libero – SI RACCOLGONO OFFERTE VOLONTARIE A FAVORE DELLE POPOLAZIONI TERREMOTATE).