Enter your keyword

20 novembre | Giornata dei diritti dell’infanzia dell’adolescenza

20 novembre | Giornata dei diritti  dell’infanzia dell’adolescenza

20 novembre | Giornata dei diritti dell’infanzia dell’adolescenza

Pandemonium Teatro
con
Comune di Bergamo
Assessorato all’Istruzione, Formazione, Università e Sport
in collaborazione con
CAOS – Costruire Alleanze e Opportunità a Scuola / Consorzio SOLCO Città Aperta / Fondazione Serughetti La Porta / Accademia Carrara / GAMEC / Sistema Bibliotecario Urbano / I.S Secco Suardo

con il patrocinio di
Provincia di Bergamo
CSV Centro Servizi Bottega del Volontariato Provincia di Bergamo

presenta

I diritti dell’Infanzia:
metodi, teorie e proposte a confronto
in
ARTE E CULTURA
UN DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

Un’iniziativa per riflettere sulle Culture d’Infanzia
e porsi obiettivi coraggiosi

 20 novembre 2017
Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

 

Cosa significa per i bambini di oggi vivere la cultura senza ostacoli e nascondimenti? Quanto è grande il bisogno di uscire dal giogo del digitale, talvolta intrappolante, e sperimentare una comunicazione nuova? Qual è il ruolo del teatro e delle arti nel creare relazioni che insegnino il rispetto e la convivenza civile?

Di questo e molto altro si discuterà il 20 novembre, Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, in occasione dell’iniziativa che Pandemonium Teatro ha pensato per offrire alla città e ai suoi abitanti, un valido momento di riflessione e approfondimento sul tema.

“ARTE E CULTURA, un diritto delle bambine e dei bambini“ è il titolo del progetto che Pandemonium Teatro ha elaborato in una precisa ottica di rete che ha unito competenze e professionalità provenienti da numerose realtà operanti sul territorio e che si manifesta in una giornata ricchissima di appuntamenti sparsi in diversi luoghi della città.

Artisti, educatori, docenti e genitori sono i protagonisti del tavolo di lavoro sviluppato da Pandemonium Teatro da cui sono nate le tante proposte riservate ai bambini in un evento di grande spessore a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Molte e diverse le realtà coinvolte nel progetto di Pandemonium Teatro, a partire dal Comune di Bergamo – Assessorato all’Istruzione, Formazione, Università e Sport – e da Consorzio SOLCO Città Aperta

Fondazione Serughetti La Porta, Accademia Carrara, GAMEC, Sistema Bibliotecario Urbano, I.S Secco Suardo.

La giornata sarà divisa in due momenti fondamentali: la MATTINA, che vede numerose scuole partecipare a una ricca serie di attività laboratoriali distribuite tra biblioteche, musei cittadini, ludoteche, scuole e teatri e il POMERIGGIO che vedrà l’incontro tra esperti e protagonisti del mondo dell’Infanzia, in un convegno finalizzato a diffondere l’importanza e il significato delle Culture d’Infanzia, tra proposte e teorie a confronto.

In un recente articolo Giovanna Zoboli sulla rivista “doppiozero” riporta molto attentamente il tema: ”..Sono le fiabe, in particolare, a essere le prime vittime ….Dopo qualche migliaio di anni, la più perfetta fra le finzioni, il più celebre degli incipit, C’era una volta, garanzia di distanza, e quindi di elaborazione simbolica, fra realtà del presente e passato della fiaba, non convince più. Una ipotesi potrebbe essere che essendo gli adulti sempre più incapaci di distinguere fra realtà e finzione, individuino nella finzione letteraria, che obbliga il lettore a sospendere temporaneamente la propria incredulità, un potenziale innesco a traumi e comportamenti devianti, temendo che la fiaba funzioni da miccia a paure incontrollate e dannose alla crescita, come se i bambini apprendessero dell’esistenza della paura dalle fiabe e non la sperimentassero in prima persona nella propria esperienza quotidiana”.

Ed è proprio partendo da questa dichiarazione che si svilupperà il dialogo della tavola rotonda dal titolo “COLTIVARE ARTE: quale Cultura per l’Infanzia?”. L’appuntamento è per le 16:30 presso l’Auditorium del Centro Sociale di Loreto, sede di Pandemonium Teatro (ingresso libero fino a esaurimento posti).

Tra gli interventi:

Giovanna Brambilla, responsabile Servizi Educativi GAMeC, Docente ITS Vittorio Emanuele II di Bergamo, Docente a contratto Università Cattolica di Milano e Business School de il Sole 24 Ore

Ivo Lizzola, docente Cattedra Pedagogia Sociale Università di Bergamo

Silvia Mascheroni, storica dell’arte, responsabile della progettazione I Servizi Educativi Fondazione Accademia Carrara, Bergamo e ICOM Italia

Loredana Poli, Assessore all’Istruzione, Università, Formazione e Sport – Comune di Bergamo

Giovanna Zoboli, scrittrice, fondatrice casa editrice Topipittori

Chandra Livia Candiani, poetessa

Silvano Petrosino, docente di Teorie della comunicazione e Antropologia religiosa e media all’Università Cattolica di Milano e Piacenza

Ad anticipare la Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, vi saranno poi 4 appuntamenti teatrali distribuiti nel weekend precedente, in cui saranno presentati alcuni spettacoli tra città e provincia. Si parte sabato 18 novembre alle 16:30 con “La mucca e l’uccellino” di Pandemonium Teatro al Teatro Qoelet di Redona (Bg), per poi trasferirsi alle 21 all’Auditorium del Centro Sociale di Loreto con “Come Hansel e Gretel – briciole di plastica” di e con Walter Maconi di Pandemonium Teatro. Lo spettacolo sarà poi ripreso il giorno successivo alle 16:30, sempre a Loreto. Mentre domenica 19 a Crespi d’Adda per la rassegna Teatro a Merenda, andrà in scena in doppia replica (15:30 e 17:00) il nuovo lavoro di Pandemonium Teatro “Cappuccetti Matti».

L’iniziativa, inserita nel progetto contenitore denominato LARGO AI BAMBINI! sostenuto da Fondazione Cariplo, fa parte dell’ampio programma di proposte elaborate dal Comune di Bergamo intorno alla Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza denominato “I Diritti dei bambini e delle bambine”, che presenta una serie di attività iniziate a settembre e che proseguiranno fino alla fine dell’anno.

Programma 20 novembre
Programma generale
Scarica pieghevole della tavola rotonda